web analytics

L’analisi dei dati web esiste in realtà già da 15 anni, ma solo negli ultimi anni molte aziende hanno finalmente riconosciuto il valore della web analytics. Nel 2009, la Web Analytics Association definisce la web analytics come misurazione, collezione, analisi e reporting dei dati internet al fine di comprendere e ottimizzare l’experience. Se da un lato la definizione risulta così chiara e interessante, dall’altro però mettere in piedi un sistema di web analytics risulta complesso e molto dispendioso in termini di tempo e quindi di costo.

Cosa significa nel 2010 essere un’azienda che decide di porre la web analytics come parte significante all’interno dell’organizzazione?

Innanzitutto, bisogna partire da un presupposto fondamentale: il successo di una strategia di web analytics non dipende tanto dal tool di analytics implementato o installato (Google Analytics, Omniture SiteCatalyst, WebTrends, CoreMetrics, ecc.) ma dalle persone (Davenport&Harris, 2007). Oggigiorno, avere i dati web raccolti non risulta più un problema, esistono infatti svariati tool, gratuiti o a pagamento, più o meno complessi, che danno accesso a molteplici report. Il problema oggi sta nell’organizzazione, cioè nelle persone e nei processi: l’organizzazione non riesce a stare al passo con l’enorme flusso di dati web. E’ come avere una piscina in casa ma non saper nuotare.

Una soluzione per ridurre o addirittura azzerare il gap tra le persone e i dati è stata sviluppata da Kotter nel 1996. Kotter propone un cambiamento all’interno dell’organizzazione, composto da 8 step:

Stabilire un senso di urgenza: Trasmettere urgenza significa motivare le persone, creare interesse

Formare un team: Formare un gruppo capace di creare e comunicare la strategia aziendale, eliminare eventuali barriere e stimolare il nuovo modo di lavorare

Creare una strategia: La strategia deve essere chiara e facilmente comunicabile per motivare e procurarsi il supporto delle persone

Comunicare la strategia: La nuova visione deve essere comunicata in maniera corretta e deve essere supportata dall’intera organizzazione

Coinvolgere altri attori: Coinvolgere anche gli stakeholder affinchè la strategia abbracci tutte le aree

Pianificare obiettivi di breve termine: Siccome mettere in piedi una nuova strategia richiede molto tempo, può avvenire che in corso d’opera ci siano cali di supporto da parte delle persone, è importante pertanto fissare degli obiettivi di breve termine per ridurre tale rischio

Consolidare la nuova strategia: Dopo anni di intenso lavoro, il processo di cambiamento nella cultura aziendale sta finalmente avvenendo, ed è solo adesso che si deve pensare all’integrazione

Istituzionalizzare i nuovi approcci: Fare in modo che il management di prossima generazione utilizzi i nuovi approcci.

Per concludere, sviluppare una nuova strategia basata su un sistema di web analytics non è affatto semplice, anzi risulta spesso ostico, e a volte altalenante. I punti chiave da tenere sempre a mente sono: non è il tool che decreta il successo della nuova visione ma le persone, il supporto del management (più in generale dell’intera organizzazione) è fondamentale, non avere fretta perché il processo può essere molto lungo ma fissare sempre obiettivi di breve termine.

Fonte: Universities and Web Analytics

Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <iframe> <p>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Gmap

  • Insert Google Map macro.